lunedì 22 aprile 2013

Il segno del Toro, di Claudia Mengoli.

TORO – la forza giorno diventa sempre più forte!


Nell'Ariete abbiamo visto che c’è un’esplosione di energia, una forza a volte irruenta, impetuosa e molto istintiva. 

Passando al segno del Toro si evince la necessità di saper controllare meglio questa energia, di poterla utilizzare nel produrre qualcosa.
C’è la necessità di fermare produttivamente l’azione.   

  La natura del Toro sarà così più pacata, bisognosa di radicamento, di sicurezze
Il Toro quindi lavora per consolidare, con le sue qualità di pazienza, di forza, intesa come tenacia e di responsabilità. 
Ci troviamo davanti ad un segno di Terra per cui la concretezza, la stabilità, la solidità e la fertilità sono caratteristiche imprescindibili. 
I legami, la famiglia sono importanti proprio perché rappresentano quel radicamento di cui ha bisogno e che in fatto di sicurezza sostengono la fiducia in sé. 
Se ci sono problemi e poco apprezzamento dei propri valori è indubbio che il Sole nel segno non si esprimerà al meglio. 
Il bisogno di sicurezze potrà diventare uno stallo, una cristallizzazione, con paure verso il cambiamento o la perdita, portando anche ad esprimere possessività. 
Amore per la natura, per tutto ciò che è genuino, vero e naturale. Sensualità e amore per i piaceri della vita. 


Di Claudia Mengoli


Sito Web:  www.claudiamengoli.ilfilo.eu - Email: mengoli.claudia@libero.it

Foto tratta dal sito www.portalciencia.net 



Le pietre del segno del Toro, dal 21 Aprile al 20 Maggio.


Pietra corrispondente nell'Antico Testamento: Zaffiro
Pietra corrispondente nel Nuovo Testamento: Zaffiro
Elemento: Terra
Domicilio: Venere
Metallo: Rame
Virtù: determinazione, pazienza, perseveranza, praticità, affettuoso.
Difetti: ostinazione, inflessibilità, furioso quando è in collera.
Pietre: pietre di colore verde (Giada, Lapislazulo, Smeraldo...)